Cucina

Crostatine al cacao con crema alla ricotta

Hello!

Sono tornata per svelare un’altra ricetta.

Si tratta di un dolce semplice, ma esteticamente molto attraente: provare per credere.

Ho steso della normale pastafrolla. Per problemi miei io non uso la farina di frumento 00, ma quella di riso. Vi do le dosi standard, quelle che faccio di solito…se poi avanza pasta faccio i biscotti:

  • 300 g farina
  • 30 g cacao amaro
  • 120 g zucchero
  • 110 g burro
  • la scorza grattuggiata di un limone non trattato
  • 2 uova medie

In questo caso specifico io non ho messo il limone; avessi avuto un’arancia non trattata probabilmente avrei aggiunto quella.

Per le uova: ho scritto 2 uova medie, ma attenzione. Solitamente io metto un uovo intero e un tuorlo, poi impasto e vedo. Se ho bisogno di elasticità o coesione, aggiungo anche il secondo albume, se no niente.

Una volta impastata la pasta frolla, questa deve riposare in frigorifero avvolta nella pellicola (almeno mezz’ora). Nel frattempo va preparata la crema, imburrati e infarinati gli stampini monoporzione ed acceso il forno (180° – io ho scelto il ventilato).

Per la crema:

  • 200 g ricotta (lasciata sgocciolare)
  • 1 tuorlo piccolo
  • 70 g zucchero
  • 20 g gocce cioccolato (facoltative con pasta frolla al cacao)
  • 1 pizzichino di cannella (facoltativo)

Mischiare con una frusta la ricotta, il tuorlo, lo zucchero e la cannella. Il composto deve risultare molto ben compatto, liscio, senza grumi.

Una volta trascorsa la mezz’ora di riposo della pasta, stenderla negli stampini monoporzione precedentemente imburrati ed infarinati. Infine, versare la crema negli stampini, fino a 2/3 millimetri dal bordo (la crema si gonfia leggermente in cottura).

Se si vuole si possono fare delle aggiunte di pasta frolla sopra i tortini o applicare le gocce di cioccolato, che in cottura si fonderanno leggermente.

Lasciare cuocere…non so dirvi quanto tempo ci voglia. Io vado ad occhio e, soprattutto, utilizzo il metodo dello stecchino (infilando uno stecco di legno nella torta, se questo esce asciutto e pulito, la torta è pronta). Comunque direi che un 20′-25′ ci vogliono per questi tortini…poi ognuna di noi conosce il suo forno!

Un’ultima cosa: volendo si può fare anche una crostata intera e un tocco goloso potrebbe essere quello di preparare una crostata “chiusa”, ossia stendendo la base, posizionando la crema e ricoprendola con un altro strato di pasta frolla. In questo caso consiglio di bucherellare sia il fondo, sia il top della torta, per permettere un minimo di sfiato.

Bon appetit!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...